Tags: performancerouternetgearNetgear R7000 Nighthawk reviewNetgear R7000 Nighthawk recensioner7000 nighthawkdraft ac

Netgear R7000 47Netgear ha da poco annunciato e commercializzato il suo nuovissimo router Gigabit, stiamo parlando del Netgear R7000 Nighthawk. Il nome suscita subito una sensazione di solidità e massime prestazioni, il design design spigoloso e aggressivo persegue lo stesso intento. Il Netgear R7000 Nighthawk è dotato della tecnologia Beamforming+ che permette di trasmettere il segnale WiFi direttamente ai dispositivi senza dispersioni. Proseguiamo la recensione per analizzare nel dettaglio l’ultimo router di casa Netgear.

 

 

 

 

 

Netgear è una multinazionale americana costituita nel 1996 con sede principale a Santa Clara (California), è specializzata nello sviluppo di soluzioni di networking tecnologicamente innovative e progettate per soddisfare le esigenze sia degli utenti finali, sia delle piccole, medie e grandi aziende. Nel 2003 la società è stata quotata in borsa con la denominazione NASDAQ:NTGR.

 

NETGEAR NEW

 

Nel 2001 viene costituito l’ufficio commerciale Netgear Italia con sede a Milano. Ad oggi Netgear è posizionata tra i leader del settore del networking informatico, affermandosi con la filosofia “Smart IT, not Big IT” che combina la tecnologia di ultima generazione con la praticità e semplicità di utilizzo, nella continua ricerca e sviluppo di soluzioni che garantiscano affidabilità, convenienza e semplicità, per una gestione intelligente del sistema IT.

La gamma di prodotti Netgear comprende: prodotti di rete Ethernet, tra cui adattatori Ethernet, Switch, prodotti a banda larga, appliance e gateway di sicurezza, soluzioni di Network Attached Storage e wireless.

Prima di passare alla descrizione del prodotto, riportiamo un approfondimento realizzato da Netgear stessa sul nuovo standard 802.11ac.

 


802.11ac – L’evoluzione verso il WiFi Gigabit

 

Introduzione: il WiFi per la casa con funzionalità video

802.11ac è la prossima evoluzione del WiFi. 802.11n, l’ultimo standard WiFi approvato nel 2009, si unisce all’attuale generazione 802.11n che assicura fino a 450 Mbps per radio. 802.11ac si basa sullo standard 802.11n e assicura velocità wireless superiori ad 1 Gigabit per secondo (Gbps), per un risultato migliore di quasi tre volte rispetto a quello offerto dallo standard 802.11.n. Lo standard 802.11ac è stato certificato da Wi-Fi Alliance verso la fine del 2012 e sarà ulteriormente richiesto con l'aumento dei dispositivi mobili e dei servizi di streaming video, ad esempio YouTube. A partire dalla seconda metà del 2012 si è assistito al lancio di una grande quantità di access point/router 802.11ac pre-standard in versione draft.

 

 

802-11ac

 

L’utilità dello standard 802.11ac all’interno degli ambienti abitativi diventerà inequivocabile nel momento in cui computer portatili, tablet e telefoni cellulari con supporto 802.11ac arriveranno sul mercato a partire già dal 2013, mentre l'adozione del medesimo standard a livello aziendale dovrebbe avvenire a partire dal 2014.

L’arrivo dello standard 802.11ac sarà il preludio per lo sviluppo di prodotti home entertainment che permetteranno di trasformare lo streaming Web di video in un'esperienza paragonabile a quella odierna di visione della TV via cavo. In un primo tempo l’applicazione principale dello standard 802.11ac riguarderà la trasmissione di video ad alta definizione in tutti gli spazi tramite WiFi. Lo standard 802.11ac potrebbe essere utilizzato per trasmettere video in HD su più televisori, o ancora per riprodurli in streaming da un dispositivo mobile a un televisore.

Questo documento rappresenta una panoramica tecnica delle nuove funzionalità dello standard 802.11ac e ne riassume i vantaggi in considerazione dei progressi fatti, in particolare rispetto allo standard 802.11n.

 

 

wifi 802.11 ac

 

 

 

802.11ac: Panoramica tecnologica

La tendenza costante verso applicazioni e dispositivi soggetti al passaggio da connessioni fisse a connessioni wireless e la comparsa di nuove applicazioni wireless con requisiti ancora più elevati in termini di velocità di trasmissione, rende essenziale l’impiego di una reti wireless maggiormente performante. Il protocollo 802.11ac presenta una serie di evoluzioni che saranno implementate in maniera graduale e che, considerate nel loro complesso, mirano ad aumentare in maniera rilevante la velocità di trasmissione e l’affidabilità delle reti WiFi.

  • Evoluzioni radio, banda di frequenza superiore e ampiezza dei canali ottimizzata, maggior numero di streaming spaziali ed evoluzioni a livello di modulazione
  • MIMO multi-utente (MU-MIMO) con beamforming ottimizzato
  • Evoluzioni radio

 

Banda di frequenza superiore e maggiore ampiezza dei canali

Ogni dispositivo WiFi invia o riceve segnali attraverso una porzione dello spettro radio o della banda di frequenza, il cui uso è strettamente disciplinato da accordi internazionali. Un problema legato alle attuali reti WiFi 802.11n consiste nel fatto che la banda da 2,4 GHz è congestionata da molti altri dispositivi, dagli auricolari Bluetooth ai forni a microonde. Dal momento che tutti questi dispositivi utilizzando la stessa ampiezza di banda alquanto limitata, la connessione Internet rallenta per tutti, proprio come in autostrada il traffico rallenta quando ci sono troppe auto in circolazione. Al contrario, lo standard 802.11ac opera esclusivamente sulla banda meno congestionata da 5 GHz. Con

una minore competizione per le onde radio emesse da altri dispositivi, le velocità di trasmissione aumentano vertiginosamente. La banda da 5 GHz, rispetto a quella da 2,4 GHz, ha il vantaggio di offrire uno spazio maggiore per le trasmissioni radio. Di conseguenza, lo standard 802.11ac offre un’ampiezza di banda estesa per i canali wireless rispetto a 802.11n(maggiore è l'ampiezza di banda dei canali, più veloci saranno le connessioni WiFi).

 

Maggior numero di streaming spaziali

Lo standard 802.11ac può supportare fino a 8 streaming spaziali, rispetto ad un massimo di 4 per il protocollo 802.11n. Tuttavia, il supporto per più di uno streaming spaziale è un optional. Il maggior numero di streaming è particolarmente utile in combinazione con la nuova funzionalità MU‐MIMO (Multi-User Multiple-input multipleoutput) dello standard 802.11ac (discussa più avanti) con supporto fino a 8 streaming spaziali in modalità MIMO singolo-utente e multi-utente e non più di 4 streaming spaziali per stazione in modalità multi-utente.

 

MU-MIMO

Il MU‐MIMO (Multi-User Multiple-input multiple-output) consente a un access point di trasmettere contemporaneamente dati singoli a più client ed è fondamentale per permettere alle reti 802.11ac di raggiungere un’ampiezza di banda di livello Gigabit.

 

Panoramica MU-MIMO

Il MU‐MIMO (Multi-User Multiple-input multiple-output) è stato integrato nello standard 802.11ac in quanto è una tecnica per migliorare la velocità di trasmissione multi-stazione dell’access point. In MU‐MIMO, l’access point (AP) trasmette flussi di dati indipendenti a più client contemporaneamente. Il MU-MIMO è analogo alla funzionalità MIMO per lo standard 802.11n, tranne per il fatto che le trasmissioni avvengono su antenne di diversi dispositivi riceventi. Il numero di streaming spaziali è limitato al numero di canali di trasmissione dell'AP. Il MIMO multi-utente richiede un’evoluzione a livello di beamforming. Rispetto ai metodi di beamforming dello standard 802.11n, molteplici e incompatibili, il protocollo 802.11ac ha ridotto il beamforming a un solo metodo esplicito in cui il lato ricevente restituisce le matrici al trasmettitore in risposta a un determinato frame di canale inviato da quello trasmesso per sollecitare il feedback. Ne risulta una funzionalità interoperabile che massimizza la portata e la copertura delle trasmissioni 802.11ac. Attraverso la pre-elaborazione dei flussi di dati a livello di trasmettitore (analogamente a quanto accade nel beamforming), le interferenze provenienti dagli streaming non destinati a un determinato client vengono eliminate a livello di singolo ricevitore. Ogni client riceve pertanto i propri dati senza interferenze dalle trasmissioni indirizzate contemporaneamente ad altri client. In MU‐MIMO il supporto di più streaming spaziali è impiegato per creare trasmissioni indipendenti verso client diversi, mentre in MIMO singolo-utente 802.11n più streaming spaziali vengono utilizzati per aumentare la velocità di trasmissione dall’access point al client. In conclusione, il MIMO multi-utente dovrebbe assicurare una velocità di trasmissione decisamente superiore, oltre a una migliore portata e copertura, quando più client single/dual stream sono collegati all'AP. La maggior parte degli smartphone e dei tablet sono dispositivi single stream (con lo standard 802.11n può scaricare un solo dispositivo single stream alla volta).

 

Conclusione

  • I vantaggi principali dello standard 802.11ac, rispetto a 802.11n, sono:
  • Velocità di trasmissione fino a tre volte migliori grazie a un’ampiezza di banda di canale maggiore e a una velocità di modulazione superiore
  • Maggiore affidabilità grazie a uno spettro radio da 5 GHz meno congestionato
  • Maggiore copertura grazie al nuovo standard interoperabile di beamforming

Di conseguenza, lo standard 802.11ac permetterà al settore WiFi di dettare per l’ennesima volta gli standard in fatto prestazioni wireless per soddisfare i requisiti delle più recenti applicazioni wireless. Per ulteriori informazioni sui prossimi prodotti wireless e sulle tecnologie correlate, si prega di consultare il sito www.netgear.it.

 


Specifiche Tecniche

Prima di procedere all’analisi del modem router R7000 vi riportiamo le specifiche tecniche del prodotto:

 

Contenuto del packaging

  • Nighthawk AC1900 WiFi Router
  • 3 antenne rimuovibili
  • Cavo ethernet
  • Alimentatore
  • Guida di installazione veloce

Dimensioni

  • 285 x 184.5 x 50 mm
  • Peso : 750 g

Caratteristiche

  • 2 ports USB : 1 porta USB 3.0 e 1 porta USB 2.0
  • Support IEEE® 802.11 b/g/n 2.4GHz + 256 QAM
  • IEEE® 802.11 a/n/ac 5.0GHz
  • 5 porte 10/100/1000 Mbps : 1 porta WAN e 4 porte LAN Gigabit Ethernet

Specifiche tecniche

  • Modello #: R7000-100PES
  • Dual Band WiF isimultaneo – 2.4GHz & 5GHz
  • Trasmettitore\Ricevitore WiFi (TX\RX) 3x3 (2.4 GHz)+3x3 (5GHz)
  • Boost WiFi con amplificatori ad alta potenza radio
  • Memoria: 128 MB di memoria flash e 256 MB di RAM
  • Downstream e upstream Quality of Service (QoS)
  • Supporto IPv6 (Internet Protocol Version 6)
  • Cinque (5) 10/100/1000 Mbps (1 WAN e 4 LAN) Gigabit Ethernet con tecnologia auto-sensing
  • Requisiti minimi di sistema
  • Microsoft® 8,7,Vista,XP,2000,MAC OS®,UNIX® o Linux®
  • Microsoft ®Internet Explorer 5.0, Firefox® 2.0, Safari® 1.4, Google Chrome® 11.0
  • Utilizza un portatile con adattatore 2x2 300 3x3 450 Mbps o adattatore 802.11ac come NETGEAR A6200 per ottenere prestazioni migliori

Sicurezza

  • Personalizzazione gratuita dell’URL per creare un FTP server
  • Supporto VPN –Accesso da remoto sicuro
  • Il più alto livello di sicurezza per la connessione wirelesscon WPA\WPA2

Garanzia

  • 2 anni

 


Confezione e Bundle

La confezione del Netgear R7000 è realizzata in cartone e riporta tutte le maggiori informazioni e dettagli relativi al router R7000 Nighthawk. Troviamo partendo dall’alto il modello e la tipologia di router oltre che un chiaro riferimento al processore da 1GHz impiegato nel router. Centralmente invece è presente un’immagine stilizzata del prodotto e poco più sotto troviamo l’award Editors Choice da parte del portale PCMAG.com, un chiaro riferimento alla tipologia di riferimento di questo router.

 

Netgear R7000_1  Netgear R7000_2  Netgear R7000_3  Netgear R7000_4  Netgear R7000_5  Netgear R7000_6

 

Il retro della confezione è ricco d’informazioni utili per il cliente, dove sono riportate sempre le caratteristiche principali del prodotto e gli utilizzi possibili.

 

Netgear R7000_7  Netgear R7000_8  Netgear R7000_9

 

Ai lati sono riportate altre informazioni e dettagli. Partendo dal lato destro troviamo un riassunto delle specifiche tecniche ed un’immagine esplicativa delle uscite presenti sul router. Nel lato sinistro invece troviamo le dimensioni, il bundle, la garanzia di 2 anni e il reminder all’uso dell’app Netgear Genie per il controllo del router da dispositivo mobile.

 

Netgear R7000_11  Netgear R7000_12  Netgear R7000_13  Netgear R7000_14  Netgear R7000_15

 

Sul fondo della confezione sono riportarti gli standard e le certificazioni del router, i seriali e le informazioni relative al modello e le informazioni relative alla società. Il lato superiore è invece caratterizzato dal logo dell’azienda.

 

Netgear R7000_16  Netgear R7000_17  Netgear R7000_18  Netgear R7000_19  Netgear R7000_20

 

Una volta aperta la confezione, ci troviamo subito di fronte una busta contenente il CD di installazione e i relativi opuscoli con garanzia e informazioni. Sotto di questi troviamo il vero e proprio router contenuto anch’esso in una busta di plastica e sorretto da un supporto di cartone che lo mantiene fermo a preservarlo da eventuali urti. Estratto da tale alloggiamento, troviamo immediatamente sotto il bundle che lo compone.

 

Netgear R7000_22  Netgear R7000_23  Netgear R7000_24   Netgear R7000_25

 

Il bundle del Netgear R7000 si compone di:

  • modem router Netgear R7000
  • manuali e cd all’installazione
  • cavo LAN giallo RJ-45
  • alimentatore esterno
  • cavo alimentazione Europeo
  • 3 Antenne rimuovibili

 

Netgear R7000_26  Netgear R7000_27  Netgear R7000_28  Netgear R7000_29

 


Nel Dettaglio

 

Diamo uno sguardo da vicino al router. Il Netgear R7000 ha un design semplice ma aggressivo. La sua forma affusolata e spigolosa lo rende un oggetto anche bello da vedere. Il colore è grigio canna di fucile, un colore che si intona bene con uffici o postazioni da gaming che quasi sempre sono caratterizzati da colori scuri. Nella parte superiore è presente il logo dell’azienda mentre poco sotto trovano posto i LED di stato del modem che ci segnaleranno lo stato di attività, il segnale WiFi attivo o meno, la connessione ad una rete WiFi a 2,4GHz o 5GHz o ancora il collegamento internet. Sono presenti anche due pulsanti uno dei quali ci permetterà di attivare o disattivare il collegamento WiFi mentre l’altro di attivare o meno la protezione alla nostra rete WiFi. Il Netgear R7000 appena estratto dalla confezione è ricoperto da una pellicola plastica che oltre a proteggere il router ha in evidenza anche i dati per il collegamento alla rete WiFi. Ovviamente tale pellicola può essere rimossa in quanto tali dati vengono riportati anche sul fondo del router.

 

Netgear R7000_30  Netgear R7000_31  Netgear R7000_32  Netgear R7000_33  Netgear R7000_34

 

Nel retro del router troviamo alcuni ingressi come la porta USB che ci permetterà di condividere all’interno della nostra rete il contenuto del dispositivo collegato, che sia esso una pen drive o un hard disk. Inoltre, trovano posto 3 attacchi per le antenne rimuovibili e intercambiabili con altre di differente tipologia nel caso la copertura non sia sufficiente per i vostri scopi, 4 ingressi LAN RJ-45 senza LED di stato, un ingresso sempre RJ-45 di colore giallo che ci servirà a prelevare il collegamento internet dal modem. Infine, è presente l’ingresso per l’alimentazione con relativo pulsante ON/OFF per l’accensione /spegnimento del dispositivo.

 

Netgear R7000_40  Netgear R7000_41  Netgear R7000_42

 

In aggiunta è presente nella parte frontale bassa una porta USB 3.0 in aggiunta a quella USB 2.0 nel retro che ci permetterà di sfruttare i nostri dispositivi USB 3.0 da condividere all’interno della nostra rete.

 

Netgear R7000_43

 

Ai lati non sono presenti ingressi o porte.

 

Netgear R7000_35  Netgear R7000_36

 

La base è caratterizzata da quattro sagome in gomma antiscivolo che permettono una solida presa su qualsiasi superfice. Non manca un adesivo riportante tutte le funzionalità delle icone presenti frontalmente oltre che le credenziali per accedere al pannello di controllo del modem router e informazioni come il MAC Address o l’SSID della rete.

 

Netgear R7000_37  Netgear R7000_38  Netgear R7000_39

 

Prima di procedere all’analisi del pannello di controllo del router vi lasciamo alcune immagini del Netgear R7000 Nighthawk.

 

Netgear R7000_44  Netgear R7000_45  Netgear R7000_46  Netgear R7000_47  Netgear R7000_48

 


Netgear R7000: Pannello di Controllo

Una volta digitato il seguente indirizzo http://www.routerlogin.com ci ritroviamo nel pannello di controllo del router di Netgear ed una volta inserite le credenziali di accesso fornite avremo di fronte a noi il pannello generale chiamato Netgear Genie dal quale potremo controllare in tempo reale tutte le funzionalità tra cui i dispositivi connessi, il parental control, la connessione ad internet, il wireless sulle due bande da 2.4 Ghz e 5 Ghz disponibili ed altre informazioni come la funzione ReadyShare.  Come possiamo notare abbiamo a disposizione la modalità base e quella avanzata che estende alcune funzionalità e menù alternativi che potremo modificare in seguito.

 

pannello2

 

Come possiamo vedere, a router collegato e configurato, troveremo subito un aggiornamento Firmware che andrà a correggere alcuni Bug e aggiungere e fixare delle caratteristiche. Passeremo dunque dalla versione 1.0.2.194 alla versione 1.0.3.24_1.1.20.

 

aggiornamento

 

L’aggiornamento impiegherà alcuni minuti durante i quali consigliamo di non utilizzare il computer. Al termine della procedura ci ritroveremo con il firmware aggiornato.

Nella parte sinistra del pannello di controllo troviamo le varie voci che ci permetteranno di settare ogni parametro e impostazione relativa al modem router. Come notiamo, abbiamo due Tab generali “Base” e “Avanzate”. Netgear ha voluto dividerle in base all’esperienza dell’utente. Avremo quindi modo se siamo esperti di personalizzare nel dettaglio le impostazioni del router e le sue regole di connessione tramite la tab “Avanzate”.

 

pannello3

 

Iniziamo con l’analizzare la tab generale “Base” nella quale avremo un riassunto delle impostazioni del router.

Partiamo dalla tab configurazione internet, nella quale avremo la possibilità di settare i parametri relativi al nostro ISP e gli indirizzi DNS. Infine ci sarà la possibilità di settare la tipologia di indirizzo MAC da utilizzare.

 

pannello4

 

Passando alla tab Configurazione Wireless, avremo accesso a tutti i parametri e le impostazioni inerenti al modulo Wireless del nostro modem router. Avremo la possibilità di cambiare regione e modalità di trasferimento, oltre che cambiare l’SSID, ovvero il nome della nostra rete, e applicare una chiave di crittografia alla nostra rete. In questo menù avremo la possibilità inoltre di settare le impostazioni per entrambe le bande disponibili, ovvero 2.4 e 5 Ghz.

 

pannello5

 

Abbiamo inoltre la possibilità di monitorare i dispositivi collegati al nostro router in modo da tenere traccia di eventuali accessi indesiderati alla nostra rete.

 

pannello6

 

Il Netgear R7000 è dotato anche di un filtro Parental Control per monitorare e nel caso limitare l’accesso ad Internet da parte dei nostri figli.

 

pannello7

 

Non manca la funzionalità Ready Share che ci permetterà di condividere il contenuto dei dispositivi collegati alle porte USB presenti sul router (ricordiamo che sono disponibili una USB 3.0 ed una USB 2.0) in tutta la rete o ancora di collegare una stampante e condividerla all’interno della nostra rete per usufruirne nel momento adatto.

 

pannello8

 

Il Nighthawk R7000 è dotato come tutti i router e modem di Netgear del menù Rete Guest che ci permetterà di gestire come avveniva per il menù di configurazione Wireless la chiave ci cifratura e la funzionalità di isolamento o meno del segnale wireless per entrambe le bande wireless disponibili e quindi magari utilizzarne soltanto una.

 

pannello9

 

La tab generale “Base” è caratterizzata da impostazioni semplici e veloci: è adatta alla maggior parte degli utenti che cercano una configurazione veloce ed intuitiva. Ma, come abbiamo accennato prima, Netgear ha pensato anche ad una fetta di utenti che magari cerca una personalizzazione più avanzata del router ed è per questo che è presente la tab generale “Avanzate”. Andiamo a scoprire quali funzionalità ed impostazioni ha al suo interno.

 

pannello10

 

Anche qui nella parte sinistra del pannello di controllo sono presenti dei menù o tab che raggruppano varie impostazioni.

 

pannello11

 

Partiamo dalla tab “Installazione Guidata” che come suggerisce il nome permette una configurazione automatica del router con dei semplici passaggi.

 

pannello12

 

A seguire troviamo la tab “Procedura guidata WPS” che ci permetterà di eseguire una configurazione guidata e protetta dei client che vorremo collegare alla nostra rete.

 

pannello13

 

A seguire troviamo alcuni menù che inglobano al loro interno funzioni e voci per personalizzare il router. La tab “Installazione ci garantirà la configurazione e personalizzazione della connessione ad internet, la gestione della rete wireless e di quella guest e alcune impostazioni per la WAN, la LAN e i QoS utili per migliorare la qualità della connessione. I menù sono chiari e completi ed ogni voce è modificabile.

 

pannello14  pannello15  pannello16  pannello17  pannello18  pannello19

 

Troviamo a seguire la tab “Storage USB” la quale ci permetterà con i suoi sottomenù di configurare al meglio i dispositivi che andremo a collegare al router tramite le porte USB di cui è dotato. Avremo modo di creare delle regole di condivisione e settare le modalità di accesso a tali dispositivi esempio via FTP, HTTP etc. Non manca il servizio DLNA checi permetterà una condivisione veloce e sicura con i dispositivi compatibili con tale standard.

 

pannello20  pannello21  pannello22

 

La tab “Protezione” dalla quale potremo gestire il parental control, la funzionalità di blocco dei siti, la gestione di regole per il firewall, una gestione di programmazione in cui potremo bloccare in un determinato giorno o ora l’utilizzo della rete. Il livello di personalizzazione è anche in questo menù molto elevato e questo verrà apprezzato dagli utenti più smanettoni.

 

pannello23  pannello24  pannello25  pannello26  pannello27

 

Dalla tab “Amministrazione” avremo modo di gestire il router controllando lo stato del router, i registri del traffico della nostra rete, i dispositivi collegati, impostare una password per l’accesso al pannello di controllo, eseguire un backup delle impostazioni, accedere ad un tool di diagnostica ed aggiornare il firmware del router.

 

pannello28  pannello29  pannello30  pannello31  pannello32  pannello34

 

Infine troviamo la tab “Configurazione Avanzata” ove potremo modificare le voci di gestione wireless, ripetizione wireless, DNS dinamici, funzionalità IPv6, UPnP per la gestione di una rete che integra dispositivi compatibili con tale standard come TV, decoder, gestione del traffico sulla rete, una gestione remota e le impostazioni USB da cui potremo collegare un hard disk multimediale, una pen drive o una stampante alla nostra rete. Non manca la funzione VPN, presente generalmente solo in router di una certa fascia, e la gestione dei LED del router stesso.

 

pannello35  pannello36  pannello37  pannello38  pannello39  pannello40  pannello41  pannello42  pannello43  pannello44  pannello45  pannello46  pannello47

 

Dopo aver effettuato un’analisi del pannello di controllo del Netgear R7000, non ci resta che procedere con l’analisi sul campo delle prestazioni del router con un modulo WiFi A6200 802.11ac per misurare al meglio le prestazioni.

 


Netgear R7000 e A6200: analisi prestazionale

Siamo giunti alla prova sul campo per verificare le prestazioni del Netgear R7000 in configurazione LAN e in Wireless grazie all’ausilio della chiavetta Wireless Netgear A6200 che lavora sullo stesso standard del modem router ovvero l’802.11ac.

Per effettuare i test abbiamo utilizzato la seguente configurazione:

 

sistema

 

La scheda madre utilizzata dispone di una porta Ethernet INTEL Gigabit LAN 10\100\1000.

I test sono stati effettuati utilizzando il software LAN Speed Test che, in pochi semplici passaggi, permette di calcolare la velocità di scrittura e di lettura di un file di qualsiasi dimensioni attraverso il router. Nel nostro caso la dimensione del file è di 500MB.

Utilizzando il collegamento cablato abbiamo riscontrato ottime prestazioni, in linea con i router top di gamma della stessa fascia di prezzo. I risultati ottenuti con il Netgear R7000 sono infatti di 796Mbp/s in scrittura e 427Mbp/s in lettura.

Ovviamente, utilizzando la connessione Wireless tramite la chiavetta Netgear A6200, i risultati si abbassano rispetto alla connessione via cavo; tuttavia restano superiori rispetto alla media, merito anche del range massimo di 900Mbps. Abbiamo ottenuto quindi 114 Mbp/s in scrittura e 115 Mbp/s in lettura.I test sono stati effettuati inoltre su due piani di un'abitazione ed in vari angoli della casa. La ricezione del segnale è stata sempre ottimale seppur le mura dell'abitazione erano abbastanza spesse.

I test sono stati eseguiti per tre volte per avere un risultato quanto più affidabile possibile.

 

Test LAN

 

test LAN

 

Test WiFI

 

Test WiFi

 


Conclusioni

 

oro  performance

 

Prestazioni 5 stelle

Ottime considerando la fascia di prezzo, valori prestazioni ai massimi livelli

Materiali 5 stelle

Plastiche solide e ben rifinite

Design 5 stelle

Design futuristico ed aggressivo

Funzionalità 5 stelle Pannello di gestione completo e adatto ad utenti esperti e non
Bundle 4,5 stelle Completo in relazione al prodotto
Prezzo 4,5 stelle 180 € per un router dalla prestazioni più che buone
Complessivo 5 stelle  

 

 

Siamo giunti alla fine di questa recensione che ha visto come protagonista il nuovissimo Netgear Nighthawk R7000. Il nuovo router di Netgear è un prodotto di fascia alta che però non disdegna un utilizzo ad utente medio. La facilità di gestione e configurazione tramite il pannello di controllo “Netgear Genie” è davvero ottima. Sia tu un utente alle prime armi o un utente esperto il Netgear R7000 rimane un router davvero facile da gestire e configurare. Sul piano prestazioni non ci possiamo lamentare. I valori ottenuti considerando anche la fascia di prezzo sono al top. Riusciremo a gestire senza problemi eventuali streaming HD o giocare online senza nessun problema. Il design ricalca quello del jet d’attacco Stealth americano, unico nel suo genere. Il prezzo per portarsi a casa questo router eccezionale è di 180€ un prezzo tutto sommato adeguato viste le caratteristiche e funzionalità offerteci dal prodotto. Non abbiamo riscontrato problemi di nessun genere sia nella configurazione che nell’uso intensivo. Confermiamo quindi l’eccezionale qualità del nuovo router di casa Netgear.

 

Pro

  • Prestazioni
  • Design
  • Funzionalità
  • Facilità di gestione

 

Contro

  • Nessuno

 

Si Ringrazia Netgear per i sample fornitoci

Mele Tommaso